giovedì 29 dicembre 2016

Padri sì, padri no - comari criticone, decidetevi!

Sul blog Abbatto i Muri - che forse già conoscete - è in corso una discussione interessante sulle aspettative che ancora si nutrono nei confronti della figura materna, della Madre con la maiuscola, per intenderci.

A quanto pare, se non si tiene attaccata alla prole 24/7, la madre non è degna del suo ruolo.

Se poi osa affidarne la cura al padre, apriti cielo!

Come consegnarli a un pedofilo-terrorista-nemico dell'Umanità.

E proprio su questo punto viene voglia di chiedersi cosa esattamente debbano fare 'sti poveri padri: se si limitano a fornire gameti, riconoscimento legale e reddito, eccoti quelle che devono fare tutto loro.

Se invece cercano di essere più presenti, come minimo sono delle mezze checche, se non dei pervertiti sessuali tout court - e in ogni caso non saranno mai in grado di sostituire l'ineffabile abilità materna.

Comari criticone, mi appello in particolare a voi: come la vedete?

Se proprio non si riesce a condividere le funzioni genitoriali, separiamole nettamente come ai bei tempi che furono...

Basta che vi decidiate.

Nessun commento:

Posta un commento